<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=351110188613778&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Fidelizzare il cliente nel mondo B2B: il ruolo della newsletter per l'azienda informatica

La newsletter: il motore trainante del processo di lead nurturing

 

Ma cos’è veramente la newsletter?

Quante volte hai sentito parlare di email marketing e in particolare di newsletter?

Sì, lo so a cosa stai pensando: alla classica mail istituzionale che invii a una lista di contatti per far conoscere la tua azienda a più persone possibili.

È vero, parliamo di uno strumento che è in grado di mettere in contatto diretto la tua realtà aziendale, B2C o B2B, con un ampio numero di persone, entrando in uno degli ultimi luoghi "privati" del web, la loro casella di posta.

 

Ma c’è molto di più!

La newsletter è uno dei veri motori trainanti delle campagne di inbound marketing, capace di nutrire di informazioni interessanti i lead già acquisiti, incentivandone la fidelizzazione e instaurando relazioni durature ma a basso costo che possono aumentare il ritorno sugli investimenti.

Anche per l'azienda informatica, quindi, la newsletter è uno strumento da coltivare.

 

Perché serve?

  • I clienti che vengono “nutriti” di informazioni di rilievo fanno registrare un aumento del 20% in termini di opportunità di vendita. (Fonte: DemandGen);

  • Un efficace flusso di informazioni selezionate e confezionate ad hoc genera il 50% in più delle vendite a un costo inferiore del 33%. (Fonte: DemandGen)
     
  • Le newsletter con contenuti capaci di soddisfare i bisogni dell’utente vengono aperte 18 volte in più rispetto a messaggi generalisti e istituzionali. (Fonte: Juniper Research).

 

Questi dati parlano forte e chiaro! 

La fidelizzazione del cliente, e quindi la sua volontà di rinnovare la scelta fatta nei confronti della tua azienda informatica, è incentivata da strumenti capaci di soddisfare i suoi bisogni con informazioni che accoglie come utili e importanti.

E la newsletter, in questo processo, deve diventare la nostra miglior alleata.

 

Istruzioni per l’uso

Fermo li!

Dimmi la verità stavi già inviando ai tuoi clienti una bella newsletter con una promozione imperdibile.

Prima di farlo, devi tenere a mente alcuni aspetti rilevanti di cui ti parlavo nel mio post precedente, Come scrivere la newsletter che vorresti ricevere, in cui trattavo dell’importanza dell’oggetto, dei contenuti, della pianificazione, dei dettagli e di molto altro.

 

Qualche altra piccola dritta?

  • Evita di creare newsletter e messaggi anonimi e privi d’identità;
     
  • Proponi contenuti interessanti e stimolanti: non limitarti a mere e fredde descrizioni ma spazia con le informazioni, spiega il come e il perché delle cose;

  • Educa: proponi contenuti non solo promozionali e focalizzati sulla tua azienda, ma offri qualcosa che faciliti veramente la vita delle persone, insegna loro qualcosa che potrebbe essere loro utile, mettiti nei loro panni e pensa cosa piacerebbe loro leggere sull'argomento;

  • Automatizza: prepara dei messaggi ad hoc che raggiungano il tuo contatto al momento giusto, come in occasione di eventi specifici (ad esempio, il suo compleanno o se è passato un certo periodo di tempo dall'ultimo acquisto / contatto) o in occasione di azioni da lui compiute sul tuo sito (come iscriversi alla newsletter, acquistare di un prodotto o servizio);

  • Calendarizza: oltre ai messaggi automatizzati, può essere una buona pratica quella di abituare i tuoi contatti a ricevere periodicamente una comunicazione da parte tua. Una volta al mese può essere il giusto compromesso per iniziare;

  • Pensa responsive: rendere i tuoi messaggi facilmente leggibili e fruibili da device diversi può fare la differenza;

  • Prova con i test A/B: crea due versioni della stessa mail e inviale a due gruppi diversi di clienti. Analizza i risultati e individua la versione più efficace.

 

Qualche esempio interessante …

Ho raccolto qui alcuni esempi di newsletter e messaggi che ho ricevuto di recente (aggiornerò la lista con il tempo) e che mi sono sembrati rilevanti, per motivi diversi, per approfondire il tema della fidelizzazione del cliente attraverso l'email marketing:

 

UNCOMMONGOODS

Una soluzione "epistolare" per la promozione dei prodotti.

Invece di dire: "Hey, se ti piacciono le biciclette, dovresti comprare queste!", Uncommongood racconta una storia attraverso una combinazione di testo, schizzi, e immagini dei prodotti, lasciando una scia di spensieratezza che rende questa newsletter così piacevole ed efficace.

 Senza titolo.png

 

NETMEDIAEUROPE 

Un altro utilizzo interessante della newsletter è quello che ne fa NetMediaEurope.

Non si limita a proporre news o promozioni ma fa un passo in più con un sondaggio attraverso cui dimostra l'interesse e l'attenzione per il cliente e la sua esperienza presente e futura. E permette anche di vincere un premio ;)

 

Schermata 2016-12-13 alle 11.57.54.png

 

SUPERMERCATO24

"Ok, cosa c'entra il supermercato con la mia azienda informatica?"

Giusta domanda :) In questo caso vorrei però attirare la tua attenzione sul tipo di messaggio e sul suo scopo, più che sul contenuto.

Supermercato24 è una app per fare la spesa online e nell'esempio qui sotto punta su un messaggio che aiuti il cliente a ottimizzare la sua esperienza e a facilitare l'acquisto successivo.

Un messaggio dalla grafica essenziale ma assolutamente funzionale che viene accolto dal cliente non solo come un supporto allo svolgimento del compito ma anche come una premura, un'attenzione in più che sicuramente aiuta il processo di fidelizzazione al servizio.

 

supermercato 24-1.png

 

CARTER’S

Questo shop online per bambini gioca sull’emozione e sul far sentire importante il cliente, aprendo la newsletter con un colorato “Ci sei mancato!”, a cui segue un buono sconto da usare.

Senza titolo-1.png

 

Cosa ne pensi di questi esempi? Ti senti pronto a rendere i tuoi clienti dei clienti fedeli?

Il percorso è lungo ma con queste indicazioni e la consulenza di un esperto potrai creare mail piacevoli alla lettura, meritevoli di essere ricordate e soprattutto capaci di fidelizzare e rafforzare le relazioni con i tuoi clienti.

 

New Call-to-action

Scritto da Costanza Albè il 14 dicembre 2016

Iscriviti al blog!

Articoli recenti