<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=351110188613778&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Blog per l'azienda B2B? Ecco tutti i vantaggi

Ok, probabilmente non ti entusiasma l’idea di aprire un blog per la tua azienda B2B.

Perché scrivere richiede tempo prezioso che di solito dedichi ad altro, non è il tuo lavoro, non ne vedi l'utilità. In realtà produrre e proporre contenuti non è una perdita di tempo ma un importante opportunità di business per l’azienda.

Perché?

Perché la tua azienda B2B, rispetto ad altre, è una vera e propria miniera d’oro: pensa alla quantità e alla qualità delle conoscenze aggiornate, alle competenze che possiedono i tuoi tecnici e all’esperienza di settore.

Ora somma tutto.

Risultato? Il terreno ideale da cui partire per coltivare contenuti di qualità che verranno letti da persone che, se coinvolte nel modo giusto, potranno diventare i tuoi nuovi clienti.

Perché, ricorda, il blog è una piattaforma viva e dinamica: se offri argomenti validi, sarà più facile entrare in contatto con i potenziali clienti e generare un dialogo, una relazione, una opportunità di acquisto.

 

Attenzione, però, perché proprio per questi suoi connotati il blog può essere un’arma a doppio taglio: non avere un piano editoriale e non postare per lunghi periodo non portano lontano.

Pensare al blog come a un canale di serie B che basta avere per poi lasciare in panchina è sbagliato per te e per il tuo business. Un blog povero e con pochi contenuti potrebbe far pensare ai visitatori che sei poco aggiornato, poco disponibile a condividere le tue conoscenze e che hai iniziato un progetto lasciandolo a metà ("lo farà anche con me?"), gettando così un'ombra negativa sul tuo brand.

 

Per questo è importante cogliere fino in fondo l’importanza e la complessità del mezzo, perché solo così diventerà il tuo miglior alleato.

 

Quindi, attenzione: 

BLOG ≠ CONTENUTI

L'equazione corretta è:

BLOG = CONTENT STRATEGY

 

Dietro il tuo blog aziendale deve esserci una strategia in cui vengono definiti chiaramente gli obiettivi, le personas che vuoi attirare, educare e alla fine convincere, un piano editoriale con campagne adatte a ogni fase del loro buyer’s journey.

Solo in un secondo momento ci sarà la fase di produzione continua di contenuti, che a volte genera qualche preoccupazione.

 

Per questo voglio anticipartelo già: esistono dei fantastici tool che ti aiutano a scrivere velocemente e in modo efficace, come racconto nell’articolo Content marketing: 5 strumenti+1 da provare subito!

P.s cerca di ricordare sempre che il tempo che pensi di “perdere” per scrivere per il tuo blog è solo tempo che investi per acquisire nuovi clienti.

 

Ma passiamo al dunque e vediamo i risultati concreti che porta un blog all'azienda B2B

 

1. Dritti al tuo sito

Secondo le statistiche di Business2Community il blog aziendale aumenta le visite al tuo sito del 55% in più rispetto a chi non utilizza lo strumento.

Ogni tuo articolo, infatti, genera una nuova pagina indicizzata del sito che corrisponde a un’ulteriore opportunità per farsi trovare dagli utenti su Google.

Ricorda: la freschezza dei contenuti è un fattore di vitale importanza dal punto di vista SEO per migliorare il ranking nei risultati di ricerca (ecco una guida per scrivere contenuti sempre buoni e freschi).

Ed ecco che il blog diventa il motore del tuo business permettendoti di farti trovare da utenti "caldi" perchè già in qualche modo interessati alle tue soluzioni.

 

2. Fai sentire la tua voce autorevole

I migliori blog aziendali sono quelli che danno risposte pertinenti, utili e persino tecniche alle necessità e ai bisogni più comuni degli utenti.

Il blog diventa un modo per farti conoscere come autorità nel mercato B2B, per fidelizzare i lettori con contenuti educativi, per presentarti non solo come azienda che vende una serie di servizi ma come realtà competente e aggiornata, da tenere sempre d’occhio. Ed è questo che ti può far distinguere dalla miriade di altre aziende che operano del tuo settore e che compariranno tra le voci dei motori di ricerca.

Il blog diventa il megafono della tua voce autorevole e qualificata, stringe la mano a nuovi possibili clienti e li porta a fidarsi di te.

 

3. Nuovi lead di qualità

HubSpot afferma che i marketer del settore B2B che usano il blog aziendale ricevono il 67% di lead in più rispetto a chi non lo usa.

Hai capito bene: il blog riesce ad attirare contatti qualitativamente superiori attraverso i contenuti.

Quindi non dei contatti a caso, ma quelli che in qualche modo sono già potenzialmente interessati ai tuoi prodotti/servizi , quelli che si trasformeranno più facilmente in tuoi clienti.

Ricorda, la chiave è ottimizzare gli articoli alle esigenze dei lettori: se riesci a farlo, il tuo processo di generazione di lead andrà a meraviglia.

 

4. Una spinta in più con i social media

Blog e social media non solo possono ma devono unire le forze e collaborare in modo sinergico per portare ancora più risultati.

Ogni volta che un articolo viene pubblicato sul blog aziendale, la sua visibilità può essere enormemente amplificata dai social media.

Oltre alla pubblicazione sulle tue pagine business di Facebook o LinkedIn, l'articolo può essere condiviso spontaneamente da parte degli utenti stessi, amplificando ulteriormente l’audience e raggiungendo nuovi contatti.

 

 

Come hai letto, il blog è uno strumento molto efficace per le aziende B2B che vogliono far crescere il business e affermare il proprio nome sul mercato.

La sua gestione richiede un certo impegno di risorse e tempo da parte tua, ma è davvero un investimento che porta a ottimi risultati.

Io un tentativo lo farei subito, e tu? ;) 

 

 Le sei strategie per il successo dell'azienda

 

Scritto da Giulia Zorzo il 13 aprile 2017

Iscriviti al blog!

Articoli recenti